Ti voglio ricordare così…impertinente e un po’ invadente tra altri otto che dormivano e te che cercavi di svegliarli per giocare…”sì è sempre lui, Fiore, sempre lui, che gran rompiscatole che è !” … e giù a ridere a guardarti mentre a trenta giorni ti davi già le pose da gran capo fiero e audace…
E giorno dopo giorno sei andato avanti, gran cane, gran Golden e non solo bello come il sole, bello dentro… occhi che ti trapassavano l’anima e lasciavano il segno, cuore morbido come una nuvola che la sera ti veniva incontro e addosso e ti abbracciava alla ricerca del contatto… pelo contro pelle, richiesta infinita d’amore mentre con il muso un po’ freddo leggevi anche tu il giornale o guardavi la tele…
E poi vederti il giorno dopo sul ring, passo dopo passo a lasciare il segno, con quella tua testa alta, nuvola dorata dallo sguardo sorridente e sornione consapevole della sua platea… che seguiva lei, la sua Fiorella, con la stessa sua grazia… passi incantati e magici …
Tanti traguardi, e nessuno lo avrebbe mai pensato… voluto sì, ma tutti quei traguardi li hai regalati con tanta fretta, tesoro di un cane che non sei stato altro… hai fatto tutto veloce, hai donato amore, orgoglio … tutto e tanto, anche quello che non conoscevamo.
E ora ? E ora che si fa, Brad ?… Che si fa senza di te ?
Grande Brad the Kid… Brad il ragazzo… sempre ragazzo, il nostro ragazzo per sempre, per quel sempre che sa di infinito che anche oggi hai voluto regalarci… lasciando un vuoto incolmabile che non avevamo previsto, eh no… non l’avevamo proprio previsto.
Una crudeltà del destino.
E quanto abbiamo lottato, chi da vicino in prima linea, chi da lontano… tutti, tanti, numerosi, infiniti anche noi, e non ce l’abbiamo fatta ad aiutarti, a capirti, a venirti incontro, a risollevare quello che la vita ti aveva riservato…sembrava una piccola curva come tante… ed invece … era un baratro impietoso …
Brad the Kid, breve storia importante d’amore e di gloria, … non è il tempo che ci hai dato che ha fatto l’amore, ma la qualità dell’amore che hai saputo donare che ci ha fatto vivere di te …
Brad, tu sarai per me, anche se non mio e lontano, il diamante più bianco e più puro che abbia mai conosciuto, costellato di tante luci e lacrime che faranno parte del mio cuore sempre e dovunque, tu sarai quello che ho sempre visto e vedrò come ciò che di più meraviglioso e puro la natura ci abbia potuto regalare…
“Stellare…” qualcuno un giorno mi ha detto parlando di te …. Sì, proprio così…. “stellare” ….
E sei e sarai la nostra Stella più importante e bella, per sempre, Brad… per sempre.
Il mio abbraccio più grande va a Fiorella e a Rita, so che il loro dolore è comparabile solo all’universo e avrei dato tutto di me, se solo fosse stato possibile, per poter evitare questa perdita.
Ciao meraviglioso Brad, sì, mi mancherai da morire….

Dona